+39 055 6810722

Strumentazione meteo

A integrazione dei sistemi di monitoraggio geotecnico e strutturale Pizzi Instruments offre ai suoi clienti un’ampia gamma di strumenti per controlli meteo e ambientali.

Questi sensori vengono collegati alle nostre unità di acquisizione automatiche mod. CUM3000 e  DAC3000, utilizzate per tutti gli altri sensori previsti nel sistema, dando così la possibilità di correlare questi alle varie condizioni al contorno, in particolare quelle meteorologiche, che spesso sono all’origine della manifestazione ed  accentuazione dei problemi geologici e strutturali.

Contattaci per informazioni

Edit

Applicazioni

Ogni strumento ha una applicazione ben distinta dalle altre, ma tutte sono riconducibili ad uno stesso fine; quello di monitorare parametri meteo-ambientali allo scopo di prevedere cambiamenti climatici significativi che potrebbero causare grandi problemi ad attività lavorative a cose o persone.

Applicazioni tipiche per tutte le strumentazioni meteo sono:

  • Dighe di qualunque tipo
  • Fiumi
  • Monumenti e siti archeologici
  • Frane
  • Gallerie
  • Scavi
  • Miniere
  • Altro

Caratteristiche e Vantaggi

  • Precisione
  • Velocità di misura
  • Ripetibilità a lungo termine
  • Semplicità di utilizzo
  • Misure automatizzate
  • Gestione della strumentazione da remoto tramite centralina e software dedicati
  • Strumentazione Conforme allo standard ISO9060, WMO IEC-17025

Principio di misura

Ogni strumento ha un proprio funzionamento ed un proprio principio fisico di misura, infatti ogni sensore misura un parametro ben diverso da qualsiasi altro sensore. Lo scopo e finalità comune è quella di monitorare tali parametri al fine di prevedere in anticipo eventuali cambiamenti nelle condizioni meteo e poterli seguire durante le varie fasi di sviluppo.

Gestire in maniera ottimale le attività di osservazione è fondamentale in quanto, queste , costituiscono il primo anello della catena, sia dal punto di vista prettamente tecnico che da quello più squisitamente scientifico. Le osservazioni, infatti, costituiscono la base per la comprensione dei fenomeni e per la successiva previsione meteorologica.